IL CALAPRANZI

 

di Harold Pinter
traduzione di Alessandra Serra
progetto e regia di Corrado d'Elia
assistente alla regia Marco Brambilla
con Alessandro Castellucci e Francesco Maria Cordella
assistente alle scene e grafica Chiara Salvucci
foto di scena Angelo Redaelli

 

In uno squallido seminterrato senza uscite, due sicari, Ben e Gus, sono in attesa dell’ordine che dovrebbe loro arrivare attraverso un calapranzi. Man mano che il tempo passa l’attesa si fa estenuante e i due riempiono il tempo parlando tra loro. Sembra che tutto si svolga come sempre, un’azione di routine, fatta della solita attesa e della solita noia. Ci è chiaro solo che non conoscono la loro vittima.
Col passare del tempo, ecco che due dimensioni prendono forma su tutto: il fuori, misterioso, minaccioso e sconosciuto e il dentro, claustrofobico, sempre più carico di tensione, in attesa di un pericolo imminente. Dal calapranzi arrivano oggetti e messaggi incomprensibili che non fanno altro che aumentare la tensione fino a sfociare in un violento diverbio tra i due.
 
Chi sarà la prossima vittima? Quale delle due dimensioni vincerà?
 
Corrado d'Elia ambienta la scena proprio in un teatro, contribuendo così a far cadere ogni barriera tra finzione e realtà, tra spettacolo e vita reale. Ne nasce uno spettacolo denso, teso, privo di cadute, di impeccabile rigore, duro e straziante al tempo stesso, sempre in bilico tra realismo esasperato e tensione visionaria.
 
Così vita e teatro si mischiano di continuo e la sensazione che lo spettatore vive è quella che questa non sia una recita, ma un assurdo, autentico spaccato di vita.
A questo anche contribuisce l'omaggio emozionato di d'Elia: lo spazio dove i due personaggi attendono, “vivono” e si muovono è lo stesso spazio che il regista, gli attori e il loro pubblico hanno “abitato” per 18 anni.
Un appassionato, commovente saluto.
 
 
NOTE DI REGIA - UNA STANZA, LA PAROLA E IL TEMPO
 
Non è solo un testo d'attore il Calapranzi.
Sbaglieremmo a pensare solo in termini di attori che devono essere sempre in tensione, sempre vivi, sempre in comunicazione. … Tutto questo è giusto, ma non può bastare... ci mancherebbe qualcosa. Innanzitutto il luogo: una stanza.
 
E' la stanza che muove, che parla, che imprigiona i due killers.
E' una stanza dimensionale. Non solo fisica. E' uno scontro tra dentro e fuori, tra assenza e presenza, tra essere e non essere. C'è molto di più quindi ed è materia che qualsiasi regista vorrebbe visitare. C'è quindi una stanza sospesa e un fuori infinito. E poi c'è il lavoro appassionante sul testo pinteriano.
E' un lavoro di aderenza innanzitutto, alla ricerca di quella libertà infinita che sta nel rigore, in quell'autentica partitura di battute, non detti e azioni fisiche, di quell'equilibrio tra l’assurdo e l’iperrealismo che è il Calapranzi.
Una scrittura vivace, a tratti allucinatori, una macchina perfetta di teatralità. E infine c'è il tempo. Il tempo sospeso, il tempo che non passa, il tempo che, anche lui, come i due protagonisti nella stanza, aspetta.
Questa illuminante provvisorietà che abbiamo cercato di ricreare ogni giorno con il nostro lavoro, vivendola in ogni momento come vera, fa si che quasi di non-teatro si tratti, ma di continuo laboratorio creativo, di continuo stare, di non recitare.

Cosa dicono di noi

bello e sorprendente :)

MLM 19.4,2016

venerdì sera sono venuta a teatro e devo dirti Corrado che sono rimasta molto colpita dalla tua messa in scena di Pinter.

Divertente e inquietante, come dovrebbe essere e come poco spesso accade di vedere in Italia.
C.C. 23.4.2016
 
Lei è sempre geniale. Grazie per lo spettacolo.
D A 24.4.2016
 
Ho visto il tuo Calapranzi stasera...con Pinter tremo sempre perchè è un terno a lotto...Il tuo mi è piaciuto molto. Carico di tensione e divertente insieme. Molto bravi di due attori. 
EG 01.05.2016
 
E comunque Corrado d'Elia è sempre Corrado. Impossibile non riconoscerlo nei suoi lavori! 
GL 29.04.2016
 
Dopo 10 giorni a leggere recensioni finalmente stasera ho visto il mio primo Pinter dal vivo ... Che emozione dopo tanti anni risalire le scale del Libero e sedersi sulle sue sedie rosse di fronte ad un palco messo a nudo ... ed il rumore della pioggia ha reso ancor più angosciante l'attesa dell'ultima scena!
CR 29.04.2016
 
Finito. Stupendo, fai fatica ad andartene. Grazie mille!
ES 01.05.2016
 
Spettacolo meraviglioso...regia e attori pazzeschi 
AES 28.04.2016
 
Grande spettacolo...unico neo...non ho avuto il coraggio di salutare il Maestro Corrado d'Elia...ero lì a pochi passi da lui...ma non l'ho fatto...grandissimo 
AM 02.05.2016

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Pagina maggiori informazioni

Per saperne di più

Accetta e prosegui

COOKIE POLICY

Questo documento ha lo scopo di rendere note le procedure seguite per la raccolta delle informazioni degli utenti quando visitano questo sito web, tramite i cookie e/o altre tecnologie di monitoraggio. Saranno inoltre fornite indicazioni riguardanti le azioni da intraprendere per rifiutare o eliminare i cookie.

L'utente può esprimere il proprio consenso all'utilizzo dei cookie cliccando sul pulsante di assenso, oppure proseguendo la navigazione su questo sito web tramite un'azione di click sui link interni delle pagine o scorrendo lungo la pagina, come previsto dal provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali (n. 229 dell'8 maggio 2014)

Che cos’è un ‘cookie’ e come viene utilizzato?

Un cookie è un piccolo file di lettere e numeri che viene scaricato sul vostro computer, quando accedete a certi siti web. I cookie consentono ad un sito web di riconoscere le preferenze espresse da un utente durante una precedente navigazione, quando torna a visitare quel sito. Un cookie di per sé non contiene né raccoglie informazioni. Tuttavia, quando viene letto da un server in relazione ad un browser di rete, può aiutare un sito web a offrire un accesso più facile, ad esempio, ricordando gli acquisti precedenti o i dettagli di un account.

I cookie sono registrati nella memoria del vostro browser e ciascuno contiene generalmente:
Il nome del server da cui il cookie è stato inviato
La scadenza del cookie

Un valore, solitamente un numero unico generato a caso dal computer
Il server del sito web che trasferisce il cookie utilizza questo numero per riconoscervi quando tornate a visitare un sito o navigate da una pagina all’altra. Solo il server che ha inviato un cookie può leggere e quindi utilizzare quel cookie. I cookie sono fondamentali per personalizzare internet e la pubblicità comportamentale online funziona generalmente utilizzando i cookie.

Per maggiori informazioni sui cookie e sulle diverse tipologie visita il sito: www.youronlinechoices.com/it/

Tipologie di cookie utilizzati da questo sito:

-  Cookie “tecnici”: sono sfruttati per il corretto funzionamento del sito e per garantire la sua navigabilità, consentono di memorizzare azioni precedenti o salvare la sessione dell’utente. Questa tipologia comprende anche i cookie analitici utilizzati per studiare l’interazione dell’utente con il sito, raccogliendo informazioni come pagine visitate o tempo trascorso su ogni pagina, aiutando a migliorare l’esperienza utente. Queste informazioni sono analizzate in forma aggregata e anonima, ossia sotto forma di statistiche sui dati e non permettono di identificare un determinato utente rispetto ad un altro.

-  Cookie di “profilazione”: questi cookie, chiamati anche di retargeting, vengono utilizzati per adattare correttamente i contenuti all’utente che li visualizza. Potrebbero essere utilizzati per personalizzare le pubblicità in base agli interessi dell’utente o per personalizzare gli articoli mostrati in primo piano.

- Cookie di “condivisione”: sono i cookie utilizzati dai social network per permettere all’utente di interagire con il sito internet tramite il proprio account social, sono necessari per commentare o condividere determinati contenuti.

Cookie di terze parti

Utilizzando questo sito internet potrebbero essere memorizzati cookie controllati da terze parti. Queste informazioni sono controllate totalmente dalle società terze secondo quanto descritto nelle rispettive privacy policy. Per non ricevere cookie di terze parti l’utente potrà: seguire le procedure indicate in seguito per disabilitare i cookie sul proprio browser o accedere alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti indicate in seguito ed escluderne il ricevimento.

Facebook: www.facebook.com/help/cookies/?ref=sitefooter

Google: www.google.com/policies/technologies/cookies/

Twitter: www.twitter.com/settings/security/

Youtube: www.google.it/intl/it/policies/privacy/

Google Analytics: www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html

AddThis: www.addthis.com/privacy/privacy-policy

Come bloccare i cookie

Per bloccare o gestire l’utilizzo dei cookie è possibile regolare le impostazioni del proprio browser internet. La maggior parte dei browser è inizialmente impostato per accettare i cookie automaticamente, ma è tuttavia possibile, seguendo procedure specifiche, limitare o bloccare i cookie in entrata.

In seguito riportiamo le istruzioni per la gestione delle impostazioni relative ai cookie per i principali browser:

Safari: support.apple.com/kb/PH11913

Chrome: support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it-IT&hlrm=fr&hlrm=en

Explorer: windows.microsoft.com/it-it/windows7/block-enable-or-allow-cookies

Firefox: support.mozilla.org/it-IT/kb/enable-and-disable-cookies-website-preferences

Inoltre si può fare riferimento al sito http://www.youronlinechoices.com/it/ per ottenere informazioni aggiuntive su come eliminare o gestire i cookie in base al browser.

Si ricorda all’utente che tornando sulla home page e proseguendo la navigazione sta accettando i cookie.
La rimozione dei cookie tramite modifica delle impostazioni del browser potrebbe bloccare o limitare alcune delle funzionalità del sito.