​regia Corrado d'Elia
autorei W. Shakespeare


Riccardo è l'incarnazione del male, un programma che ordisce con parole sapienti, convince, seduce ed uccide. 

  •    


di William Shakespeare
regia Corrado d'Elia
assistente Luca Ligato
scene e costumi Francesca Marsella
luci Alessandro Tinelli
fonica Federico Di Stefano
con Marco Brambilla, Alessandro Castellucci, Monica Faggiani, Valeria Perdonò, Bruno Viola



Lo spettacolo è la naturale conclusione stilistica e di progetto del “ciclo shakespeariano” prodotto dalla Compagnia Teatri Possibili con la regia di Corrado d'Elia.
5 spettacoli (Otello, Romeo e Giulietta, Macbeth,Amleto e appunto Riccardo III) che sono per caratteristica visionari e immaginifici, veloci e appassionati e che hanno come base stilistica il rapporto tra la parola e l'immagine.
Riccardo è per noi l'incarnazione del male, che programma, ordisce, tesse trame e con parole sapienti, convince, seduce ed uccide. 

È una mente diabolica assetata di potere e di gloria, un calcolatore spregiudicato che desidera tutto oltre ogni umana decenza e ogni pudore.
Riccardo è una voce, un sogno, il gioco estremo,luci psichedeliche, desideri e morte.
Riccardo è il grande virus, che muove e conduce il gioco, manovra il joystick di un videogame dove tra led luminosi e luci impazzite, personaggi onirici e pedine fluorescenti compaiono, si trasformano e spariscono all'intero del perimetro stabilito di una magic box.

Riccardo il “big generator”.
Riccardo che è oggi ciò che vogliamo che lui sia.

Al momento non ci sono video.

Stagione 2008-2009

Hystrio 2009

Teatro.it 
centrosantachiara.it

La cittadella 30.1.2009
tophat.it 
Gazzetta cultura e società
L'Adige 27.11.2008
Corriere della Sera
InAgenda.info
TuttoMilano - La Repubblica, 11 dicembre 2008
TeatriMilano.it, 06 dicembre 2008
Saltinaria.it, 05 dicembre 2008
UnDo.net, 02 dicembre 2008

NonSoloCinema.com, 02 dicembre 2008
fainotizia.it, 01 dicembre 2008
DelTeatro.it, 01 dicembre 2008
Corriere del Trentino - 27 novembre 2008

 

Leggi tutto »


Alcune lettere del nostro pubblico e i commenti inseriti nei forum

 

Ho avuto la fortuna di assistere alla rappresentazione del suo Riccardo III al Teatro Alberti di Desenzano nel 2008: spettacolo del quale ancora conservo un ricordo vivissimo e ammirato. È stato lo spettacolo che ha rappresentato per me una sorta di "conversione" nella considerazione del teatro contemporaneo, e nella stessa disponibilità nella lettura dei classici come Shakespeare. E' riuscito a liberare d'un "lampo" un testo così "inflazionato" da tutte le incrostazioni tradizionali e a farlo risultare così vivo e sanguigno, e in più a "illuminarne" di una luce ancora più inquietante e malvagia ogni posa, ogni istante, ogni parola: una lezione che conservo ancora come preziosissima.
N.I. 08/01/12

Forte e interessante.

Un intermezzo fedele, all'interno di un contesto psichedelico.
n.p. 17/01/09

Frammentato e psichedelico!Molto bello.
C. 17/01/09

Un modo eccezionale per far amare ancora di più Shakesepare.
n.p. 17/01/09 

Luci tiranniche, oltre al rosso e al nero un elettrizzante blu elettrico!
G. 17/01/09 

Effetti notevoli sui miei allievi adolescenti.
Un invito diretto alla lettura che serve, aiuta, stimola.
Grazie.
P. 17/01/09 

Splendida idea, finalmente il teatro che piace a me!
Veloce, forte, originale!
n.p. 16/01/09 

Caotico, eccezionale!Ottimi tutti!Ecco come 'rivisitare' un 'classico' mantenendone lo spirito più profondo.
Grazie davvero!!
n.p. 16/01/09

Siete stati bravi, anzi bravissimi, avete recitato benissimo e la musica uguale.
M. 16/01/09

Mai visto niente di così originale.
Bello, bravi.
S. 16/01/09

Ciao!ieri sera ho visto Riccardo III dopo Caligola,Cirano,le Nozze dei piccolo borghesi e Otello.
Mi è piaciuto tantissimo,ti ho visto fare capolino dall'alto e anche se mi è dispiaciuto non vederti credo fosse nello spirito della regia che tu rimanessi solo una voce
complimenti!
E. 18/01/09

Ciao Corrado,
Ieri ho visto il Riccardo III e, che dire? Non riesco a capire come fai.
Come fai a reinventare Shakespeare?
Il tuo Riccardo fatto solo di voce e luci, mano invisibile che muove le sue pedine,è stato un meraviglioso "incubo".
Mi hai lasciata di nuovo senza parole.
Perciò,complimenti,complimenti e ancora complimenti.
Credo di essermi innamorata di te. Artisticamente parlando, ovvio.
Sul libro non ho scritto niente perchè ero talmente esaltata che non riuscivo a trovare le parole.
Ti aspetto per il Don Giovanni. Io ci sarò.
M. 17/01/09

Ieri sera: Riccardo III
Graffiante, dinamico, psichedelico.
Meravigliosa la voce del Re.
n.p. 31/12/08

Caro Corrado,sono una fanatica di questo dramma che appare essere sempre di una attualità sconcertante.
Ti ringrazio,sono rimasta incollata occhi e orecchi cercando di memorizzare ogni singola parola e cosa.
Bravissimi tutti,fantastico Clarence.
Ancora bravi e che invidia per la tua splendida voce.
ciao.
D. 29/12/08 

Torno ora dal Riccardo III:angoscioso,ossessivo,visionario,paranoico,tutto meno che tranquillizzante.
Ma alla fine chi ci libererà dal male,e come?Ognuno avrà una sua risposta,ma il male non può vincere.
Il bambino che si inchina è qualcosa di più di una speranza.
Grazie.
G. 24/12/08
Ciao!Una mia amica mi ha portato a vedere Riccardo III settimana scorsa.
Semplicemente stupendo.Un'energia pazzesca,tempi incredibili e grande talento.
Spero di aver presto la possibilità di vedere altri tuoi lavori.
Riccardo III mi ha lasciato a bocca aperta.
Chiave di lettura,interpretazione del testo e del senso.
Scelte di regia,tempi coreografici,metafore,luci,musica,sesto e settimo personaggio.
Energia pura,ma quanto hai messo in quel poco più di un'ora? I miei complimenti!
L. 24/12/08

Ieri sera ho visto Riccardo III: strepitoso! come ogni tuo spettacolo d'altronde.
Le tue idee di regia mi colpiscono sempre, le trovo geniali.
G. 19/12/08

Caro Corrado,
grazie, per le tue interpretazioni che seducono
la mente e l'anima.
Grazie, di cuore, per essere anche sempre così vicino al tuo
pubblico.
A. 16/12/08

Caro Corrado,
Ieri sera ho assistito alla messa in scena di Riccardo III.
Ancora avevo nel cuore le calde emozioni di Novecento, di un personaggio che aveva congelato i propri desideri per sublimarli in singoli istanti assoluti e mi sono ritrovata catapultata in un personaggio che dai propri desideri si è lasciato guidare, identificandosi in loro
fino alla morte.
Riccardo III, un manipolatore certo, ma come tutti i manipolatori, un grande carisma e una forte determinazione.
Durante la rappresentazione Riccardo III si è preso il mio respiro e lo ha tenuto con sé incessantemente e senza tregua.
Durante la rappresentazione Riccardo III si è preso la mia mente e l'ha tenuta con sé incessantemente e senza tregua.
Durante la rappresentazione Riccardo III si è preso le mie emozioni e le ha tenute con sé incessantemente e senza tregua.
Grazie, Corrado, per questo magnifico lavoro che condividi con il
tuo pubblico.
Grazie di cuore.
Buon lavoro.
A. 16/12/08 

Caro d'Elia,
Ieri sera ho assistito,dalla prima fila,alla Sua rappresentazione
del Riccardo III. Le faccio i complimenti per l'idea e l'allestimento, si conferma uno
dei pochi creativi nel panorama teatrale italiano.
Inutile dire che la seguo sempre con un gruppo di affezionati amici.
Un caro saluto e ancora complimenti.
M. 11/12/08

Leggi tutto »


Compagnia Corrado D'Elia c/o Teatro Litta , C.so Magenta 24 20124 Milano
©2017 All Rights Reserved [ come arrivare ]